CHANNING POLLOCK
(STATI UNITI)

“Bisogna vedere Channing Pollock; chi non ha visto il suo numero,non ha visto nulla in prestidigitazione” così sembra aver detto il professor Jules Dhotel (Hédolt), come scrive Silvan, di questo maestro, artefice rivoluzionario nell'utilizzo delle colombe.

Ultimo di tre fratelli Channing West Pollock nasce il 16 agosto 1926 a Sacramento, in California.

Dopo il congedo dalla USN,nel 1946, si dedica seriamente allo studio della manipolazione (carte, monete, palle) e trasferitosi ad Hollywood si perfeziona ulteriormente nell'applicazione dell'arte migliorando la sua manualità con le carte e le sigarette presso la The Chavez School of Magic,fondata da Benito Chavez, una tra le più grandi ed importanti scuole per manipolatori della storia. E' in questo periodo che inizia ad impratichirsi anche con gli animali.

Rimane attratto da un numero con le colombe effettuato dal prestigiatore messicano Cantu (Abraham J. Cantu, lo stesso che ispirerà Johnny Thompson “The Great Tomsoni”) che produce una colomba a conclusione di ogni effetto che presenta.

Nel 1953 viene notato da Jay Warshall, un agente teatrale molto famoso allora, che lo convince a partecipare ad una trasmissione televisiva, l' Ed Sullivan Show.

Grazie a questa esibizione (di cui la prima versione in assoluto viene presentata in California nel 1952) Channing Pollock è il caso di dirlo prende il volo assieme alle sue colombe verso le più influenti città americane presentando il suo numero nei più autorevoli locali per diventare da li a poco uno dei prestigiatori più richiesti al mondo.

Poco più di nove minuti:la sua assistente e lui in abito nero in contrasto con il bianco delle colombe ed il rosso dei foulards che vengono utilizzati con una personalità ineguagliabile ed una tecnica ineccepibile,imitato da una marea di colleghi raggiunto da nessuno,non sorride mai durante l'intero numero e soltanto a conclusione dello stesso ci dona un fuggevole sorriso.

Intraprende anche la carriera cinematografica interpretando se stesso in Europa di notte (regia di Alessandro Blasetti, 1959) e recitando ruoli importanti ne Lo sceicco rosso (di Fernando Cerchio, 1961), I moschettieri del mare (di Steno, 1961), Rocambole (di Bernard Borderie, 1962), L'uomo in nero (di Georges Franju, 1963); suoi camei anche nei telefilms The Beverly Hillbillies e Bonanza entrambi programmati anche per l'Italia.

Nel 1969 si ritira dallo show business,anche se non abbandona i contatti con il mondo dell'illusionismo,per dar vita,assieme alla moglie Cory,ad una fattoria ecologica presso Moss Beach,in California;la loro abitazione,fornita di una immensa biblioteca a tematiche esoteriche e spirituali,sarà meta di illustri colleghi e di aspiranti prestigiatori.

La sua ultima apparizione pubblica in Italia risale al 1989,ospite al Convegno Magico di Saint Vincent,preparato da Roxy (Giovanni Pasqua) e Victor (Vittorio Balli),dove sabato 26 maggio presso l'Hotel Billia presenta la sua conferenza sulle produzioni (= termine tecnico che indica il far apparire un oggetto,animale o persona da un qualunque luogo precedentemente mostrato vuoto) di fazzoletti e colombe.L'ultimissima,il due giugno dello stesso anno,al Convegno Regionale dell'Emilia Romagna,organizzato dal Club magico Italiano,invitato dall'allora presidente nazionale,Alberto Sitta (in arte Chun Chin Fu).

La bacchetta magica viene spezzata il 18 marzo 2006, all'età di 79 anni.

Nel 2000 ospite,a Londra,presso il Magic Circle (=s ocietà di prestigiatori fondata in Inghilterra nel 1905) dopo una prolungata standing ovation al suo ingresso in sala ribadirà che i veri segreti della magia "si trovano nell'anima,nel corpo,nel cuore e nella mente" quasi a sottolineare che la prestigiazione non è solo tecnica ma anche amore,amicizia e signorilità.

Hanno scritto di lui: Silvan  in Arte Magica ( Rusconi , 1977 ); Massimo Polidoro  in L'Illusionismo ( Sugarco Edizioni , 1995 ); Maxim in M... come Magia N. 2 (stampato in proprio, 1996 ); Raffaele De Ritis in Illusionismi ( Stampa Alternativa , 2004 ); Tony Binarelli in Quinta Dimensione (Mediterranee ,2008).

 

<< torna ai grandi della magia

© Teatro Arte Magica tutti i diritti riservati