FRED KAPS
(Olanda)

Unico prestigiatore a vincere per tre volte il Grand Prix della F. I. S. M..

Abraham Pietre Adrianus Bongers nasce l'otto giugno del 1926 nella città di Utrecht.

Scrutando e studiando gli effetti di un mago dilettante si appassiona all'arte sino ad arrivare ad esibirsi inizialmente usando il nome di Valdini e successivamente quello di Mystica,con tale pseudonimo presenta suoi spettacoli anche durante il servizio militare.

Nel 1950 vince il suo primo Grand Prix a Barcellona mostrando una performance,studiata assieme a Henk Vermeyden (rilevante esponente della "scuola" magica olandese), suo maestro, che gli apre le porte degli ingaggi internazionali e del successo.Nel dicembre dello stesso anno "diventa" Fred Kaps.

Cinque anni dopo ad Amsterdam merita per la seconda volta il Grand Prix presentando, tra l'altro, la sua versione della The Benson Salt Pour:mostrava al pubblico un salino e versava il sale nella mano chiusa a pugno, il sale spariva per ritonare di nuovo,cascando fuori dalla mano per un lungo tempo in una quantità che non finiva mai ( un effetto che impressiona favorevolmente i colleghi prestigiatori tenuti a giudicarlo).

Nel frattempo le sue tournée si susseguono:nel 1955 viene applaudito in Europa,l'hanno successivo negli Stati Uniti.

E' amico dei più importanti esponenti dell'illusionismo dell'epoca:Ken Brooke,Dai Vernon (pseudonimo di David Frederick Wingfield Verner), Arturo De Ascanio (Arturo de Ascanio y Navaz), Slydini (Quintino Marucci), Freddy Fah,Gorini (Carlo Gorini Forster)....

A Liegi nel 1961 alla convention F. I. S. M. presenta un numero basato sulla manipolazione di dollari e candele:la combinazione di bravura,carisma e tecnica gli fa vincere il suo terzo premio mondiale.

Seguita da milioni di persone la sua apparizione all'Ed Sullivan Show, nel 1964, in cui viene presentato dopo i Beatles, e dopo la quale viene invitato più volte a dare dimostrazione della sua bravura davanti ai monarchi dei Paesi Bassi e del Regno Unito.

Professionalità portata all'estremo, perfezione manipolatoria e tecnica,ottima capacità recitativa (come ricorda il già citato Slydini) formano il Prestigiatore Fred Kaps,creatore di effetti magici ed intollerante all'imbecillità ed alla "presunzione degli analfabeti magici".

In Italia la sua ultima volta sul palcoscenico è nel 1978, al 3° Congresso Magico di Saint - Vincent.

Colpito da cancro polmonare muore il 22 luglio 1980.

Alla F. I. S. M. del 2003 (in Olanda, a Den Haag) alla fine di una "lezione magistrale", dedicata all'Artista scomparso, una spontanea standing ovation fa vivere uno dei momenti più emozionanti di quella convention mondiale, oltre 500 coloro che vi hanno assistito.

Davanti alla sua casa, ad Utrecht, nel 2005 gli viene dedicato un memoriale a ricordo del suo contributo all'arte della prestigiazione.

Hanno scritto di lui: Silvan in Arte Magica ( Rusconi , 1977 ); Werner Waldmann in Fare Magia ( Gremese Editore , 1984 ); Massimo Polidoro in L'Illusionismo ( Sugarco Edizioni , 1995 ); Maxim in Mů come Magia N. 2 (stampato in proprio, 1996 ); Raffaele De Ritis in Illusionismi ( Stampa Alternativa , 2004 ).

 

<< torna ai grandi della magia

© Teatro Arte Magica tutti i diritti riservati